La filarmonica in viaggio sull’Orient Express – Concerto del 17 Giugno 2017

Nel quadriportico della basilica di Santa Maria Nuova, sabato 17, poco dopo le 21.15, ha avuto inizio il tradizionale concerto di giugno del complesso bandistico La Filarmonica di Abbiategrasso.
La voce guida del presentatore Giuseppe Comincini ha permesso agli spettatori di ripercorrere idealmente il viaggio che intraprendeva il celebre treno passeggeri Orient Express, che sin dalla fine dell’Ottocento collegava Londra ad Istanbul. Un filo conduttore è stato teso tra il tragitto compiuto dal convoglio ferroviario e un insieme di brani musicali, ognuno contraddistinto dalle tipiche sonorità dei differenti Paesi coinvolti durante il percorso.
The great locomotive chase, un brano che ricorda il suono e i rumori di un treno in movimento, ha creato il contesto appropriato per dare inizio all’itinerario, con partenza da Londra.
Pomp and Circumstance di Edward Elgar e Nimrod, tratto da Enigma Variations hanno perfettamente calato il pubblico nella giusta atmosfera, soprattutto il primo, dal momento che rappresenta uno degli inni “non ufficiali” della Gran Bretagna.
La serata è piacevolmente trascorsa, passando per una Parigi dei primi del Novecento, evocata da La valse de la Tour Eiffel, da French Can Can, tratti da L’Exposition universelle di R. Fienga e dal noto Can Can tratto dall’Orfeo all’inferno di Offenbach, per poi fare una sosta a Vienna assieme all’energico Bahn frei! di Eduard Strauss.
Il percorso è proseguito inoltrandosi nelle aree dell’est Europa, le cui musiche popolari hanno trascinato in un ambiente di cultura e tradizione musicale differente, a partire dalle stesse sonorità e ritmi coinvolti nelle due Danze Ungheresi di Brahms e nelle Danze popolari rumene di Bartók che hanno rappresentato le fermate di Budapest e di Bucarest.
La melodia tipicamente turca e folclorica di Turkish Delight, ha condotto fino ad Istanbul.
Nell’arco della serata, sentiti applausi hanno accompagnato i musicanti e il direttore Carlo Zappa al termine di ogni esecuzione musicale, manifestando evidente partecipazione e attenzione da parte del pubblico.
Il presentatore Giuseppe Comincini ha invitato al microfono il segretario comunale Adriano Matarazzo il cui intervento ha messo in luce l’evidente spirito di innovazione che contraddistingue banda Filarmonica, sempre aperta alla sperimentazione.
Sono stati poi consegnati, come di consuetudine, degli omaggi floreali alla signora Maria Teresa Abriani, per la sua costante presenza e per il suo sostegno, e al direttore Carlo Zappa.
È stata poi data la parola a Leonardo Pecoraro, consigliere provinciale ANBIMA (Associazione Nazionale delle Bande Italiane Musicali Autonome) che, dopo aver fatto i complimenti per l’ottima riuscita del concerto, ha espresso il desiderio di molti di avere nel futuro prossimo, per la città di Abbiategrasso, un auditorium, che diverrebbe un fiore all’occhiello di cui poter usufruire per molteplici scopi.
Pecoraro ha in seguito assegnato degli attestati di riconoscimento e di merito a tre bandisti, rispettivamente a Valeria Rebuzzini, per la costante presenza e il prezioso impegno, a Giorgio Magistrelli per la dedizione profusa nell’insegnamento rivolto agli allievi e per il suo fondamentale contributo in ogni circostanza e, infine, a Giorgio Borghi, per essere un punto di riferimento sia come musicante sia come consigliere all’interno della Filarmonica.
Dovuti ringraziamenti vanno alle mamme e alle mogli dei bandisti per aver organizzato il rinfresco a fine serata, a monsignor Innocente Binda per l’ospitalità e a Giulia Rainoldi per il servizio fotografico.
La parola è tornata alla musica e come fuori programma il maestro Zappa ha scelto di dirigere Highland Cathedral, un brano maestoso e solenne che, come ha riconosciuto il presentatore Comincini, trasmette un piacevole senso di pace e di tranquillità.
In chiusura è stato riproposto il brioso ed energico Can Can di Offenbach, che ha strappato applausi calorosi ai presenti.
In settimana per i bandisti riprenderanno le prove in preparazione del concerto in occasione della festa di San Pietro e Paolo, che si svolgerà Domenica 25 giugno alle 21.30 presso l’ex oratorio femminile in via Curioni.


Chiara Magistrelli


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: